Preghiera a Sant'Antonio di Padova

Preghiera a Sant’Antonio di Padova per ritrovare le cose perdute

Preghiera a Sant’Antonio di Padova per ritrovare le cose perdute

Al glorioso Sant’Antonio di Padova.
O Dilettissimo del Sommo Dio, o Eccelso e glorioso Santo,
Operatore di Prodigi, Benefattore dei popoli, e mio Benignissimo
Benefattore!

Veloce Ascoltatore di quelli che v’invocano, io mi getto
ai vostri piedi, bacio umiliato questi piedi che si mossero sempre
ad evangelizzare il bene, ad evangelizzare la pace!

E gemendo e sospirando a Voi ricorro, il vostro aiuto imploro!

Deh, deh, per quanto avete amato il vostro Gesù, impetratemi una grazia, che la Divina
Misericordia mi restituisca la perduta eredità!

Che Dio Sommo,
il quale è l’eredità degli eletti, a me si ridoni con tutte quelle grazie,
Misericordie e Benedizioni, che io ho disperse, o demeritate!

Ah, Voi non potete negarvi a questa mia supplica, o glorioso Taumaturgo!
Imperocché tutti quelli che a Voi ricorrono per domandarvi la
grazia di ritrovare le cose perdute, tutti da Voi la ottengono, e le cose
perdute ritrovano; ed io ne sono testimone, e di Voi cantò il glorioso
San Bonaventura: Cédunt mare, víncula, membra rés que
perditas petunt et accipiunt iuvenes et cani.

Or dunque, se Voi siete
tanto sollecito a far ritrovare le cose perdute, alle volte le più indifferenti,
com’è possibile che siate restío a far ritrovare le Grazie
perdute, le Misericordie rigettate, a chi pentito e trafitto da dolore vi
supplica e scongiura che gliele facciate ritrovare?

Deh, deh, non è
possibile che Voi a questo siate indifferente! No!

Non dubito me nomamente!

Son certo, certissimo che se Voi siete potente a far trovare
un’inezia perduta, siete più potente a far trovare i grandi celesti
tesori miseramente e incautamente perduti!

Dunque, a questa vostra
potenza io ricorro, e piangendo ai vostri piedi vi supplico: deh,
Santo glorioso, fatemi trovare la perduta eredità! Tu es qui restítues
hereditátem méam mihi!

Fatemi trovare quel Sommo
Bene che inutilmente ho cercato, dacché freddamente l’ho cercato,
dopo che a furia di disgusti e di enormi infedeltà l’ho costretto
ad allontanarsi da me! Deh, fatemi trovare questo Sommo Bene,
e mi siano anche negati i Tesori della Grazia e della Gloria, che io
ho miseramente perduti! Ah Gesù, ridonatemi!

Gesù, fatemi ritrovare
il mio Dio, il mio Creatore! Il mio Redentore!
O glorioso mio Sant’Antonio, deh, pregate! Pregate per me!

Non cessate di pregare per me, finché mi abbiate ottenuta la perduta eredità,
e poi per me pregate perché gelosamente la conservi, e mai più la perda.

Amen. Amen. Amen.

Sant'Antonio da Padova

Preghiera e devozione a Sant’Antonio da Padova

Preghiera e devozione a Sant’Antonio da Padova

Se cerchi i miracoli,
la morte, l’errore, la calamità
e il demonio sono messi in fuga,
gli ammalati divenir sani.

Il mare si calma,
le catene si spezzano;
ritrovano le cose perdute
i giovani ed i vecchi.

S’allontanano i pericoli,
scompaiono le necessità;
lo attesti chi ha sperimentato
la protezione del Santo di Padova.

Il mare si calma,
le catene si spezzano;
ritrovano le cose perdute
i giovani ed i vecchi.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio,
ora e sempre,
nei secoli dei secoli.

Il mare si calma,
le catene si spezzano;
ritrovano le cose perdute
i giovani ed i vecchi.

Amen.

Prega per noi, o Beato Antonio, perché siam fatti degni delle promesse di Cristo.

Preghiamo.
O Dio, la votiva commemorazione del Beato Antonio, Confessore tuo, allieti la tua Chiesa affinchè resti sempre munita di aiuti spirituali e meriti di godere gli eterni gaudi del Cielo. Per Cristo, nostro Signore.

Amen.

O Lingua benedetta, che benedicesti sempre il Signore e lo facesti benedire dagli altri, ora chiaro appare di quanto merito sei stata al cospetto di Dio.

Si quæris miracula
mors, error, calamitas,
dæmon, lepra fugiunt,
ægri surgunt sani.

Cedunt mare, vincula,
membra, resque perditas
petunt, et accipiunt
juvenes, et cani.

Pereunt pericula,
cessat et necessitas;
narrent hi, qui sentiunt,
dicant Paduani.

Cedunt mare, vincula,
membra, resque perditas
petunt, et accipiunt
juvenes, et cani.

Glória Patri et Filio et Spíritui Sancto.
Sicut erat in princípio,
et nunc et semper
et in sæcula sæcolorum.

Cedunt mare, vincula,
membra, resque perditas
petunt, et accipiunt
juvenes, et cani.

Amen.

Ora pro nobis, Beate Antoni, Ut digni efficiamur promissionibus Christi.

Oremus.
Ecclesiam tuam, Deus, Beati Antonii Confessoris tui commemoratio votiva lætificet, ut spiritualibus semper muniatur auxiliis et gaudiis perfrui mereatur æternis. Per Christum Dominum nostrum.

O Lingua benedicta, quæ Dominum semper benedictisti et alios benedicere fecisti: nunc manifeste apparet quanti meriti extitisti apud Deum.

Amen.

Preghiera di liberazione

Preghiera di liberazione

Preghiera di liberazione

Benediciamo il Signore perché Eterna è la sua misericordia.

O Dio Altissimo e Padre nostro, fiduciosi nell’infallibilità delle sante parole del tuo Figlio Gesù Cristo che ha detto: “Tutto quello che chiederete con fede nella preghiera lo otterrete” (Mt 21, 22), ecco che oggi noi Ti rivolgiamo la nostra accorata supplica:dall’angoscia, dalla tristezza e dalle ossessioni, liberaci o Signore.

Dall’odio, dalla fornicazione e dall’invidia, liberaci o Signore.

Dai pensieri di gelosia, di rabbia e di morte, liberaci o Signore.

Da ogni tentazione contro la vita, liberaci o Signore.

Da ogni forma di sessualità cattiva, liberaci o Signore.

Dalla divisione in famiglia e da ogni amicizia cattiva, liberaci o Signore.

Da ogni forma di maleficio, di maledizione, di fattura di stregoneria e da qualsiasi male occulto, liberaci o Signore.

O Signore che hai detto, vi lascio la pace, vi do la mia pace, per l’intercessione della beata Vergine Maria, concedici di essere liberati da ogni male e di vivere sempre nella tua pace.

Per Cristo nostro Signore.  Amen.